Associazione animalista denuncia massacro di cani a Librino

arton872-89978.jpgSarebbero 5 o 6 i cuccioli di cane di poche settimane di vita ammazzati a bastonate a Librino da un gruppo di minori nella zona compresa tra viale Castagnola e viale Librino.I fatti sarebbero avvenuti una decina di giorni fa e sarebbero emersi grazie alla segnalazione di alcuni referenti catanesi dell’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente) i quali avrebbero raccolto 3 testimonianze nella zona.Secondo le ricostruzioni dell’Associazione una banda di minorenni avrebbe compiuto alcune spedizioni mortali nei confronti di una cucciolata di cani in cattività. In seguito ai fatti l’AIDAA ha inviato una denuncia alla procura della Repubblica di Catania ed al Tribunale dei Minori denunciando lil gruppo per il reato di maltrattamento ed uccisione di animali, reato che prevede una pena detentiva fino a 18 mesi ed a una multa di 22.500 euro.”Da quanto siamo riusciti a capire – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale AIDAA – questi piccoli delinquenti al mattino marinano la scuola e sfogano il loro istinto violento ammazzando a bastonate cuccioli di cane, in questa circostanza si pensa che i cuccioli uccisi siano stati almeno cinque ma ci risulta che questi piccoli teppisti già in passato hanno ammazzato cani e cagnolini a bastonate. Non voglio qui fare inutili prediche anche perché il nostro scopo è limitato alla tutela degli animali, ma forse sarebbe buona cosa che le autorità pubbliche intervenissero per porre fine a queste nefandezze salvaguardando i cani, ma riportino anche i bambini a scuola anche perché lasciarli in mezzo alla strada vuol dire dare una mano a chi vorrebbe poi trasformarli in delinquenti a tempo pieno. Abbiamo inviato oggi due circostanziate denunce – conclude Croce – con la speranza che la vicenda possa chiudersi in fretta evitando inutili ulteriori massacri di cani a bastonate”.

Fonte:www.laperiferica.it

Associazione animalista denuncia massacro di cani a Librinoultima modifica: 2009-05-02T09:21:00+02:00da fragiu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento